mercoledì 29 febbraio 2012

Frigorifero

L’ho aperto
Il contenuto era in ordine.
Bottiglie di latte a lunga conservazione
Barattoli di yogurt
Pacchi di carne surgelata
Mele gialle
Medicine e pane
e… e… e via dicendo.
Nel frigorifero della mia anima
Il contenuto è in disordine
Scade
Senza che nessuno lo apra.


(Saadiyya al-Mufarrih)

Amore a prima vista

Sono entrambi convinti
che un sentimento improvviso li unì.
E' bella una tale certezza
ma l'incertezza è più bella.

Non conoscendosi prima, credono
che non sia mai successo nulla fra loro.
Ma che ne pensano le strade, le scale, i corridoi
dove da tempo potevano incrociarsi?

Vorrei chiedere loro
se non ricordano -
una volta un faccia a faccia
forse in una porta girevole?
uno "scusi" nella ressa?
un "ha sbagliato numero" nella cornetta?
- ma conosco la risposta.
No, non ricordano.


Li stupirebbe molto sapere
che già da parecchio
il caso stava giocando con loro.


Non ancora del tutto pronto
a mutarsi per loro in destino,
li avvicinava, li allontanava,
gli tagliava la strada
e soffocando un risolino
si scansava con un salto.


Vi furono segni, segnali,
che importa se indecifrabili.
Forse tre anni fa
o il martedì scorso
una fogliolina volò via
da una spalla all'altra?
Qualcosa fu perduto e qualcosa raccolto.
Chissà, era forse la palla
tra i cespugli dell'infanzia?


Vi furono maniglie e campanelli
in cui anzitempo
un tocco si posava sopra un tocco.
Valigie accostate nel deposito bagagli.
Una notte, forse, lo stesso sogno,
subito confuso al risveglio.


Ogni inizio infatti
è solo un seguito
e il libro degli eventi
è sempre aperto a metà.



(Wislawa Szymborska)

martedì 28 febbraio 2012

Black eyed dog

A black eyed dog he called at my door
The black eyed dog he called for more
A black eyed dog he knew my name
A black eyed dog he knew my name
A black eyed dog
A black eyed dog.

I'm growing old and I wanna go home
I'm growing old and I don't wanna know
I'm growing old and I wanna go home.

A black eyed dog he called at my door
A black eyed dog he called for more...


(Nick Drake)

sabato 25 febbraio 2012

Ricordo bene il suo sguardo

Ricordo bene il suo sguardo.
Attraversa ancora la mia anima
come una scia di fuoco nella notte.
Ricordo bene il suo sguardo. Il resto…
Sì, il resto è solo una parvenza di vita.

Ieri ho passeggiato per le strade come una qualsiasi persona.
Ho guardato le vetrine spensieratamente
e non ho incontrato amici con i quali parlare.
D’improvviso mi sono sentito triste, mortalmente triste,
così triste che mi è parso di non poter
vivere un altro giorno ancora, e non perché potessi morire o uccidermi,
ma solo perché sarebbe stato impossibile vivere il giorno dopo e questo è tutto.

Fumo, sogno, adagiato sulla poltrona.
Mi duole vivere in una situazione di disagio.
Debbono esserci isole verso il sud delle cose
dove soffrire è qualcosa di più dolce,
dove vivere costa meno al pensiero,
e dove è possibile chiudere gli occhi e addormentarsi al sole
e svegliarsi senza dover pensare a responsabilità sociali
né al giorno del mese o della settimana che è oggi.

Do asilo dentro di me come a un nemico che temo d’offendere,
a un cuore eccessivamente spontaneo
che sente tutto ciò che sogno come se fosse reale
che accompagna col piede la melodia delle canzoni che il mio pensiero canta,
tristi canzoni, come le strade strette quando piove.


(Fernando Pessoa)

Mi sveglio sempre in forma

Mi sveglio sempre in forma
e mi deformo attraverso gli altri.


(Alda Merini)

È una fortuna vivere in questo mondo

È una fortuna vivere in questo mondo,
osservare un fiore,
una nuvola vagante,
ascoltare un uccello,
il sussurro delle spighe in un campo di grano,
ammirare i tratti delle persone,
le loro tendenze,
il loro respiro segreto.


(Ingmar Bergman)

venerdì 24 febbraio 2012

Al mio cane

Ficcando il naso nero nel vetro,
il cane aspetta, aspetta sempre qualcuno.

Infilo la mano nel suo pelo,
io pure aspetto qualcuno.

Ricordi, cane, c'è stato un tempo
quando una donna abitava qui.

E chi era essa per me?
Forse una sorella, una moglie forse,

e forse, talvolta, sembrava una figlia
a cui dovevo il mio aiuto.

Essa è lontana... Ti sei fatto zitto.
Più non ci saranno altre donne qui.

Mio bravo cane, sei bravo in tutto,
ma che peccato che tu non possa bere!


(Evgenij Evtušenko)

giovedì 23 febbraio 2012

Un'immagine della mia esistenza

Un'immagine della mia esistenza
sarebbe una pertica inutile,
incrostata di brina e neve,
infilata obliquamente nel terreno,
in un campo profondamente sconvolto,
al margine di una grande pianura,
in una buia notte invernale...


(Franz Kafka; Diari)

martedì 21 febbraio 2012

Vorrei

Vorrei
Vorrei
nascere
in tutti i paesi,
perchè la terra stessa, come anguria,
compartisse per me
il suo segreto,
e essere tutti i pesci
in tutti gli oceani
e tutti i cani
nelle strade del mondo.
Non voglio inchinarmi
davanti a nessun dio,
la parte non voglio recitare
di un hippy ortodosso,
ma vorrei tuffarmi
in profondità del Bajkal
e sbuffando
riemergere
nel Mississippi.
Vorrei
nel mio mondo adorato e maledetto,
essere un misero cardo -
non un curato giacinto,
essere una qualsiasi creatura di dio
sia pure l’ultima jena rognosa,
ma in nessun caso un tiranno
e di un tiranno, nemmeno il gatto -
in nessun caso.
Vorrei essere uomo,
in qualsiasi personificazione:
anche torturato in un carcere del Guatemala,
o randagio nei tuguri di Honk Kong,
o scheletro vivente nel Bangladesh
o misero jurodivyj a Lhasa,
o negro a Capetown,
ma non personificazione della feccia.
Vorrei giacere,
sotto il bisturi di tutti i chirurghi del mondo,
essere gobbo, cieco,
provare ogni malattia, ferita, deformità,
raccogliere luride cicche -
purchè in me non s’insinui
il microbo ignobile della superiorità.
Non vorrei far parte dell’elite,
ma di certo neppure del gregge dei vigliacchi,
nè dei cani del gregge,
nè dei pastori che al gregge si conformano,
vorrei essere felicità,
ma non a spese degli infelici,
vorrei essere libertà,
ma non a spese di chi è asservito.
Vorrei amare
tutte le donne del mondo
e vorrei essere donna anch’io -
magari una volta soltanto…
Madre-natura,
l’uomo è stato da te defraudato.
Perchè non dargli
la maternità?
Se in lui, sotto il cuore, un figlio
si facesse sentire così
senza un perchè
certo l’uomo
non sarebbe tanto crudele.
Vorrei essere essenziale -
magari una tazza di riso
nelle mani di una vietnamita segnata dal pianto,
o una cipolla
nella brodaglia di un carcere di Haiti,
o un vino economico
in una trattoria di terz’ordine napoletana
e un tubetto, anche minuscolo, di formaggio
in orbita lunare:
che mi mangino pure
e mi bevano -
purchè nella mia morte
ci sia una utilità.
Vorrei appartenere a tutte le epoche,
far trasecolare la storia tanto
da stordirla
con la mia impudenza:
della gabbia di Pugacev segherei le sbarre
quale Gavroche introdottosi in Russia
condurrei Nefertiti
a Michajlovsloe, sulla trojka di Puskin.
Vorrei cento volte
prolungare la durata di un attimo:
per potere nello stesso istante
bere alcool con i pescatori della Lena,
baciare a Beirut,
danzare in Guinea, al suono del tam-tam,
scioperare alla Renault
correre dietro un pallone con i ragazzi di Copacabana,
vorrei essere onnilingue,
come le acque segrete del sottosuolo.
Fare di colpo tutte le professioni
e ottenere così che
un Evtusenko sia semplicemente poeta,
un altro, un militante clandestino spagnolo,
un terzo, uno studente di Barkeley
e un quarto, un cesellatore di Tbilisi.
Un quinto – scuoterebbe soltanto il sonaglio di una carrozza
e il decimo…
il centesimo…
il milionesimo…
Poco per me essere me stesso-
tutti, fatemi essere!
E per ciascun essere,
in coppia,
come si usa.
Ma dio,
lesinando la carta carbone
mi ha prodotto in un solo esemplare
nel suo bogizdat.
Ma a dio confonderò le carte.
Lo raggirerò!
Avrò mille facce
fino all’ultimo giorno,
affinchè la terra rimbombi per causa mia
e i computers impazziscano
per il mio universale censimento.
Vorrei, umanità,
lottare su tutte le tue barricate,
stringermi ai Pirenei,
coprirmi di sabbia attraverso il Sahara
e accettare la fede
della grande fratellanza umana
e fare proprio
il volto di tutta l’umanità.
E quando morirò -
sensazionale Villon siberiano -
non deponetemi
in terra inglese
o italiana -
ma nella nostra terra russa,
su quella verde,
serena collina,
dove per la prima volta
io
mi sono sentito tutti.


(Evgenij Evtušenko; 1972)

lunedì 20 febbraio 2012

Ti voglio nel mio paradiso

Ti voglio nel mio paradiso
ossia quel paese
in cui la gente vive felice
anche senza permesso.


(Mario Benedetti)

Sensazione

Nelle azzurre sere d'estate, andrò per i sentieri,
punzecchiato dal grano, a pestar l'erba tenera:
trasognato sentirò la frescura sotto i piedi
e lascerò che il vento mi bagni il capo nudo.

Io non parlerò, non penserò più a nulla:
ma l'amore infinito mi salirà nell'anima,
e me ne andrò lontano, molto lontano come uno zingaro,
nella Natura, felice, come con una donna.

-----

Par les soirs bleus d'été, j'irai dans les sentiers
Picoté par les blés, fouler l'herbe menue:
Rêveur, j'en sentirai la fraîcheur à mes pieds.
Je laisserai le vent baigner ma tête nue.

Je ne parlerai pas, je ne penserai rien:
Mais l'amour infini me montera dans l'âme,
Et j'irai loin, bien loin, comme un bohémien,
Par la nature, - heureux comme avec une femme.


(Arthur Rimbaud)

Piove

Piove. È uno stillicidio
senza tonfi
di motorette o strilli
di bambini.

Piove
da un cielo che non ha
nuvole.
Piove
sul nulla che si fa
in queste ore di sciopero
generale.

Piove
sulla tua tomba
a San Felice
a Ema
e la terra non trema
perché non c'è terremoto
né guerra.

Piove
non sulla favola bella
di lontane stagioni,
ma sulla cartella
esattoriale,
piove sugli ossi di seppia,
e sulla greppia nazionale.

Piove
sulla Gazzetta Ufficiale
qui dal balcone aperto,
piove sul Parlamento,
piove su via Solferino,
piove senza che il vento
smuova le carte.

Piove
in assenza di Ermione
se Dio vuole,
piove perché l'assenza
è universale
e se la terra non trema
è perché Arcetri a lei
non l'ha ordinato.

Piove sui nuovi epistèmi
del primate a due piedi,
sull'uomo indiato, sul cielo,
ottimizzato, sul ceffo
dei teologi in tuta
o paludati,
piove sul progresso
della contestazione,
piove sui works in regress,
piove
sui cipressi malati
del cimitero, sgocciola
sulla pubblica opinione.

Piove, ma dove appari
non è acqua né atmosfera,
piove perché se non sei
è solo la mancanza
e può affogare.



(Eugenio Montale)

domenica 19 febbraio 2012

Poesia

Viverla
come dono e disinganno
come premio e martirio
possessione ed estasi
viverla
come illusione e vacanza
come condanna e tormento
malattia e preghiera
semplicemente viverla
se non fosse che è lei
a rubarti la vita.


(Sylvia Plath)

sabato 18 febbraio 2012

A Gala

A Gala,
che non ha mai smesso di starmi vicino.
Che è stata la buona fata del mio equilibrio,
che ha scacciato le salamandre dei miei dubbi
e rafforzato i leoni delle mie certezze...
A Gala,
che con la sua nobiltà d'animo,
mi ha ispirato e fatto da specchio.


(Salvador Dalí)

Sono una donna

Sono una Donna,
nessuno può immaginare
quel che dico quando me ne sto in silenzio
chi vedo quando chiudo gli occhi
come vengo sospinta quando vengo sospinta
cosa cerco quando lascio libere le mie mani.
Nessuno, nessuno sa
quando ho fame, quando parto
quando cammino e quando mi perdo,
e nessuno sa
che per me andare è ritornare
e ritornare è indietreggiare,
che la mia debolezza è una maschera
e la mia forza è una maschera,
e che quel che seguirà è una tempesta.
Credono di sapere
e io glielo lascio credere
e avvengo.
Hanno costruito per me una gabbia affinchè la mia libertà
fosse una loro concessione
e ringraziassi e obbedissi.
Ma io sono libera prima e dopo di loro,
con loro e senza di loro
sono libera nella vittoria e nella sconfitta.
La mia prigione è la mia volontà!
La chiave della prigione è la loro lingua
ma la loro lingua
si avvinghia intorno alle dita del mio desiderio
e il mio desiderio non riusciranno mai a domare.
Sono una donna.
Credono che la mia libertà sia loro proprietà
e io glielo lascio credere
e avvengo.



(Joumana Haddad) 

venerdì 17 febbraio 2012

C'è chi dice sia un esercito di cavalieri

C'è chi dice sia un esercito di cavalieri, c'è chi dice sia un esercito di fanti,
c'è chi dice sia una flotta di navi, la cosa più bella
sulla nera terra, io invece dico
che è ciò che si ama.

-----

Οἱ μὲν ἰππήων στρότον οἰ δὲ πέσδων
οἰ δὲ νάων φαῖσ' ἐπ[ὶ] γᾶν μέλαι[ν]αν
ἔ]μμεναι κάλλιστον, ἔγω δὲ κῆν' ὄτ-
τω τις ἔραται.


(Saffo)

Forse un mattino andando in un’aria di vetro

Forse un mattino andando in un’aria di vetro,
arida, rivolgendomi, vedrò compirsi il miracolo:
il nulla alle mie spalle, il vuoto dietro
di me, con un terrore di ubriaco.

Poi come s’uno schermo, s’accamperanno di gitto
Alberi case colli per l’inganno consueto.
Ma sarà troppo tardi; ed io me n’andrò zitto
Tra gli uomini che non si voltano, col mio segreto
.


(Eugenio Montale)

Forse di più

Mi rivolgi parole molto dolci, cara Musa.
Il tuo amore mi penetra come una tiepida pioggia
e sento di esserne imbevuto
fino alla profondità del cuore.
Sei semplice nell'animo e forte nella mente;
non vi è nulla in te che non sia buono.
A volte cerco di immaginare il tuo volto in vecchiaia
e penso che ti amerò allo stesso modo,
forse di più.


(Lettera di Gustave Flaubert a Louise Colet)

Someday you will name me

Someday you will name me,
then gently place
those burning holy roses
in my hair.


(Rainer Maria Rilke)

giovedì 16 febbraio 2012

E la morte non avrà più dominio

E la morte non avrà più dominio.
I morti nudi saranno una cosa
con l'uomo nel vento e la luna d'occidente;
Quando le loro ossa saranno spolpate e le ossa pulite scomparse,
ai gomiti e ai piedi avranno stelle;
Benché impazziscano saranno sani di mente,
benché sprofondino in mare risaliranno a galla,
benché gli amanti si perdano l'amore sarà salvo;
E la morte non avrà più dominio.

E la morte non avrà più dominio.
Sotto i meandri del mare
giacendo a lungo non moriranno nel vento;
sui cavalletti contorcendosi mentre i tendini cedono,
cinghiati ad una ruota, non si spezzeranno;
si spaccherà la fede in quelle mani
e l'unicorno del peccato li passerà da parte a parte;
scheggiati da ogni lato non si schianteranno;
E la morte non avrà più dominio.

E la morte non avrà più dominio.
Più non potranno i gabbiani gridare ai loro orecchi,
le onde rompersi urlanti sulle rive del mare;
Dove un fiore spuntò non potrà un fiore
mai più sfidare i colpi della pioggia;
Ma benché pazzi e morti stecchiti,
le teste di quei tali martelleranno dalle margherite;
irromperanno al sole fino a che il sole precipiterà;
E la morte non avrà più dominio.


(Dylan Thomas)

mercoledì 15 febbraio 2012

Malgrado l'uomo lo neghi

Sei abbastanza infantile,
tu che ti nascondi,
mentre la manifestazione di Dio fu un vero scandalo.
(...)
Commiserare gli altri
vuol dire portarli via al beneficio della morte,
e tante volte coloro che salvano gli ammalati
non sanno che sono solo malati d'amore,
e che basterebbe poco a farli fiorire:
un bacio,
il canto di una primavera,
un fiore mandato al momento giusto,
un'ala di Dio ricordata in una lettera,
una lettera,
un abbandono,
un momento che duri un'eternità.
Perché malgrado l'uomo lo neghi
non sa che Dio l'ha destinato ad essere eterno,
che Dio ha destinato ogni uomo
ad essere un grande profeta.


(Alda Merini)

Vogliono sempre impedirmi di essere triste

Vogliono sempre impedirmi di essere triste;
ma se è la mia sola gioia esser triste:
cresce solo piangendo
questa gemma d’albero che volete asciugare.


(Piero Jahier)

martedì 14 febbraio 2012

I ragazzi che si amano

I ragazzi che si amano si baciano in piedi
Contro le porte della notte
E i passanti che passano li segnano a dito
Ma i ragazzi che si amano
Non ci sono per nessuno
Ed è la loro ombra soltanto
Che trema nella notte
Stimolando la rabbia dei passanti
La loro rabbia il loro disprezzo le risa la loro invidia
I ragazzi che si amano non ci sono per nessuno
Essi sono altrove molto più lontano della notte
Molto più in alto del giorno
Nell'abbagliante splendore del loro primo amore.

-----

Les enfants qui s'aiment s'embrassent debout
Contre les portes de la nuit
Et les passants qui passent les désignent du doigt
Mais les enfants qui s'aiment
Ne sont là pour personne
Et c'est seulement leur ombre
Qui tremble dans la nuit
Excitant la rage des passants
Leur rage leur mépris leurs rires et leur envie
Les enfants qui s'aiment ne sont là pour personne
Ils sont ailleurs bien plus loin que la nuit
Bien plus haut que le jour
Dans l'éblouissante clarté de leur premier amour.


(Jacques Prévert)

domenica 12 febbraio 2012

Tabacaria

(...)
Oggi sono perplesso,
 come chi ha pensato
 e creduto
 e dimenticato.

-----

Estou hoje perplexo
como quem pensou
e achou e
esqueceu.


(Fernando Pessoa)

La poesia è il salvagente

La poesia è il salvagente
cui mi aggrappo
quando tutto sembra svanire.
Quando il mio cuore gronda
per lo strazio delle parole che feriscono,
dei silenzi che trascinano verso il precipizio.
Quando sono diventato così impenetrabile
che neanche l'aria
riesce a passare.


(Kahlil Gibran)

venerdì 10 febbraio 2012

Quella vita che fu tenuta a freno

Quella vita che fu tenuta a freno
troppo stretta e si libera,
correrà poi per sempre, con un cauto
sguardo indietro e paura delle briglie.
Il cavallo che fiuta l'erba viva
e a cui sorride il pascolo
sarà ripreso solo a fucilate,
se si potrà riprenderlo.

-----

The life that tied too tight escapes
will ever after run
with a prudential look behind
and spectres of the Rein.
The Horse that scents the living Grass
and sees the Pastures smile
will be retaken with a shot
if he is a caught at all.


(Emily Dickinson)

giovedì 9 febbraio 2012

Piangere a dirotto

Piangere a lacrima spianata.

Piangere a fiotti.
Piangere la digestione.
Piangere il sogno.
Piangere davanti alle porte e anche ai porti.
Piangere di giallo e gentilezza.

Aprire i rubinetti,
i battenti del pianto.
Inzupparci l’anima,
la maglietta.
Allagare marciapiedi e passeggiate,
e salvarci poi, a nuoto, dal nostro stesso pianto.

Assistere ai corsi di antropologia,
piangendo.
Festeggiare i compleanni dei parenti,
piangendo.
Attraversare l’Africa,
piangendo.

Piangere come un cacuy,
un coccodrillo…
se è vero
che tanto i cacuy come i coccodrilli
non la smettono mai di piangere.

Piangerlo tutto,
ma piangerlo per bene.
Piangerlo col naso,
le ginocchia.
Piangerlo dall’ombelico,
e dalla bocca.

Piangere d’amore,
di disgusto,
d’allegria.
Piangere in frac,
di aria, di magrezza.
Piangere improvvisando,
a memoria.
Piangere tutta l’insonnia e tutto il giorno!


(Oliverio Girondo)

Do you know what illuminates the night?

martedì 7 febbraio 2012

È la tenerezza che mi preme

(...)
Questa mattina c'è neve dappertutto. Lo notiamo entrambi.
Mi dici che non hai dormito bene. Ti confesso
che nemmeno io. Hai passato una nottataccia. " Anch'io".
Siamo straordinariamente calmi e teneri l'un con l'altro
come se avvertissimo il nostro traballante stato mentale.
Come se ognuno sapesse cosa prova l'altro. Anche se,
naturalmente, non lo sappiamo. Non lo si sa mai. Non importa.

È la tenerezza che mi preme. È questo il dono
che mi commuove e mi prende tutto questa mattina.
Come tutte le mattine.


(Raymond Carver)

sabato 4 febbraio 2012

Esiste qualcosa di inspiegabilmente commovente...

Esiste qualcosa di inspiegabilmente commovente
nella nostra natura pietroburghese quando,
con il sopraggiungere della primavera,
mostra ad un tratto tutta la sua potenza,
tutte le forze concessele dal cielo
per ricoprirsi, abbellirsi, colorarsi di fiori...
In qualche modo mi ricorda involontariamente quella ragazza tisica e deperita
che voi guardate a volte con compassione,
a volte con un certo affetto pietoso,
a volte semplicemente non la notate neppure,
ma che improvvisamente,
per un attimo solo,
in modo disperato,
diventa inspiegabilmente di una meravigliosa bellezza,
e voi, colpito e inebriato, vi chiedete inconsapevolmente:
qual è la forza che dà un tale splendore,
un tale fuoco a quei tristi occhi pensosi?
Che cosa ha fatto affluire il sangue
a quelle pallide gote incavate?
Che passione si è riversata
sui teneri lineamenti del volto?
Per quale ragione
il petto ansima così?
Che cosa ha provocato improvvisamente
la forza, la vita e la bellezza sul volto di quella povera ragazza,
lo ha fatto brillare di un simile sorriso
e ravvivare da una gaia e scintillante risata?

Vi guardate intorno,
cercate qualcuno,
pensate di intuire...
Ma l'attimo fugge,
il giorno dopo incontrate di nuovo lo stesso sguardo
pensoso e distratto,
lo stesso viso pallido di prima,
la stessa sottomissione e mitezza nei movimenti
e persino un certo pentimento,
persino tracce di una tristezza mortale
e di stizza per quell'effimero piacere...

E vi fa pena che quella bellezza apparsa per un attimo
sia svanita così in fretta
e così irrevocabilmente
e che, ingannevole e vana,
abbia brillato davanti ai vostri occhi
lasciandovi il rammarico
di non aver fatto nemmeno in tempo ad innamorarvi di lei...


(Fëdor Dostoevskij; "Le notti bianche")

Alla grande indifferenza delle stelle

Mi avvicino alla mia scrivania
come a un baluardo
che mi difende dalla vita.
Sento tenerezza,
tenerezza fino alle lacrime,
per i miei libri.
(...)
Sento affetto per tutto questo,
forse perchè non ho più niente da amare:
o forse anche perchè niente merita l'amore di un'anima;
e se dobbiamo dare amore per sentimentalismo,
è indifferente
se lo riserviamo alle piccole sembianze del calamaio
o alla grande indifferenza delle stelle.


(Fernando Pessoa)

venerdì 3 febbraio 2012

25 Febbraio 1956, Sabato

Quello che mi spaventa di più,
credo,
è la morte dell'immaginazione.
Quando il cielo lassù è solo rosa
e i tetti solo neri:
quella mente fotografica
che paradossalmente dice la verità,
ma una verità senza valore,
sul mondo.
Io desidero quello spirito di sintesi,
quella forza "plasmante"
che germoglia,
prolifica
e crea mondi suoi con
più inventiva di Dio.


(Sylvia Plath; Diari)

è così che voglio innamorarmi

A volte leggiamo delle cose che ci fanno capire di colpo
di non aver vissuto niente, provato niente,
sperimentato niente fino a quel momento.
Ora io mi rendo conto che la maggior parte di quel che mi è successo
era un'esperienza clinica, anatomica.
C'erano i sessi che si toccavano, si univano,
ma senza nessuna scintilla, senza abbandono, senza emozioni.
Come posso farcela?
Come faccio a incominciare a "Sentire",
a "Sentire"?
Voglio innamorarmi
in modo che la sola vista di un uomo,
anche ad un isolato di distanza,
mi faccia tremare, penetrandomi tutta,
mi indebolisca, mi faccia sussultare
addolcendomi e sciogliendomi qualcosa tra le gambe.
è così che voglio innamorarmi...
così Totalmente che il solo pensiero di Lui mi porti all'orgasmo.


(Anais Nin; "Il delta di Venere")

giovedì 2 febbraio 2012

L'unica cosa importante

(...)
Non ci resta che una cosa da fare:
prendere tutto quanto il mondo e farne l'oggetto del nostro gioco;
farlo diventare un giocattolo.
Avenarius gioca,
e il gioco è per lui l'unica cosa importante
in un mondo senza importanza...


(Milan Kundera; "L'immortalità")

Prospettiva

Si sono incrociati come estranei,
senza un gesto o una parola,
lei diretta al negozio,
lui alla sua auto.

Forse smarriti
O distratti
O immemori
Di essersi, per un breve attimo,
amati per sempre.

D'altronde nessuna garanzia
Che fossero loro.
Sì, forse, da lontano,
ma da vicino niente affatto.

Li ho visti dalla finestra
E chi guarda dall'alto
Sbaglia più facilmente.

Lei è sparita dietro la porta a vetri,
lui si è messo al volante
ed è partito in fretta.
Cioè, come se nulla fosse accaduto,
anche se è accaduto.

E io, solo per un istante
Certa di quel che ho visto,
cerco di persuadere Voi, Lettori,
con brevi versi occasionali
quanto triste è stato.


(Wislawa Szymborska)

mercoledì 1 febbraio 2012

Si mostrasse il core

Se,
come il viso,
si mostrasse il core.


(Ludovico Ariosto)

Solo

Fanciullo, io già non ero
come gli altri erano, né vedevo
come gli altri vedevano. Mai
derivai da una comune fonte
le mie passioni, né mai,
da quella stessa, i miei aspri affanni.
Né il tripudio al mio cuore
io ridestavo in accordo con altri.

Tutto quello che amai, io l'amai da solo.

Allora, in quell'età, nell'alba
d'una procellosa vita, fu derivato
da ogni più oscuro abisso di bene e male
il mistero che ancora m'avvince,
dai torrenti e dalle sorgenti,
dalla rossa roccia dei monti,
dal sole che d'intorno mi ruotava
nelle sue dorate tinte autunnali,
dal celeste baleno
che d'accanto mi guizzava,
dal tuono e dalla tempesta
e dalla nuvola che forma assumeva
(mentre era azzurro tutto l'altro cielo)
d'un demone alla mia vista.


(Edgar Allan Poe; 1831)

L'uccello azzurro

Nel mio cuore c'è un uccello azzurro che
vuole uscire,
ma con lui sono inflessibile,
gli dico: rimani dentro, non voglio
che nessuno ti
veda.

Nel mio cuore c'è un uccello azzurro che
vuole uscire,
ma io gli verso addosso whisky e aspiro
il fumo delle sigarette
e le puttane e i baristi
e i commessi del droghiere
non sanno che
lì dentro
c'è lui.

Nel mio cuore c'è un uccello azzurro che
vuole uscire,
ma io con lui sono inflessibile,
gli dico:
rimani giù, mi vuoi fare andar fuori
di testa?
Vuoi mandare all'aria tutto il mio
lavoro?
Vuoi far saltare le vendite dei miei libri in
Europa?

Nel mio cuore c'è un uccello azzurro che
vuole uscire,
ma io sono troppo furbo, lo lascio uscire
solo di notte, qualche volta,
quando dormono tutti.
Gli dico: lo so che ci sei,
non essere
triste.

Poi lo rimetto a posto,
ma lui lì dentro un pochino
canta, mica l'ho fatto davvero
morire,
dormiamo insieme
così, col nostro
patto segreto
ed è così grazioso da
far piangere
un uomo, ma io non
piango, e
voi?


(Charles Bukowski)