martedì 31 gennaio 2012

A quelli nati dopo di noi

Veramente, vivo in tempi bui!
La parola disinvolta è folle. Una fronte liscia
indica insensibilità. Colui che ride
probabilmente non ha ancora ricevuto
la terribile notizia.

Che tempi sono questi in cui
un discorso sugli alberi è quasi un reato
perché comprende il tacere su così tanti crimini!
Quello lì che sta tranquillamente attraversando la strada
forse non è più raggiungibile per i suoi amici
che soffrono?

È vero: mi guadagno ancora da vivere
ma credetemi: è un puro caso. Niente
di ciò che faccio mi da il diritto di saziarmi.
Per caso sono stato risparmiato.
(Quando cessa la mia fortuna sono perso.)

Mi dicono: "Mangia e bevi! Accontentati perché hai!"
Ma come posso mangiare e bere se
ciò che mangio lo strappo a chi ha fame, e
il mio bicchiere di acqua manca a chi muore di sete?
Eppure mangio e bevo.

Mi piacerebbe anche essere saggio.
Nei vecchi libri scrivono cosa vuol dire saggio:
tenersi fuori dai guai del mondo e passare
il breve periodo senza paura.

Anche fare a meno della violenza
ripagare il male con il bene
non esaudire i propri desideri, ma dimenticare
questo è ritenuto saggio.
Tutto questo non mi riesce:
veramente, vivo in tempi bui!

Voi, che emergerete dalla marea
nella quale noi siamo annegati
ricordate
quando parlate delle nostre debolezze
anche i tempi bui
ai quali voi siete scampati.

Camminavamo, cambiando più spesso i paesi delle scarpe,
attraverso le guerre delle classi, disperati
quando c'era solo ingiustizia e nessuna rivolta.

Eppure sappiamo:
anche l'odio verso la bassezza
distorce i tratti del viso.
Anche l'ira per le ingiustizie
rende la voce rauca. Ah, noi
che volevamo preparare il terreno per la gentilezza
noi non potevamo essere gentili.

Ma voi, quando sarà venuto il momento
in cui l'uomo è amico dell'uomo
ricordate noi,
con indulgenza.


(Bertolt Brecht)

sabato 28 gennaio 2012

Amai teneramente dei dolcissimi amanti

Amai teneramente dei dolcissimi amanti
senza che essi sapessero mai nulla.
E su questi intessei tele di ragno
e fui preda della mia stessa materia.

In me l’anima c’era della meretrice,
della santa, della sanguinaria e dell'ipocrita.
Molti diedero al mio modo di vivere un nome,
e fui soltanto una isterica.


(Alda Merini)

Só os pássaros voam...

Solo gli uccelli volano,
e gli angeli,
e gli uomini
quando sognano.

-----

Só os pássaros voam,
e os anjos,
e os homens
quando sonham.


(José Saramago)

Tu non sai

Tu non sai: ci sono betulle che di notte
levano le loro radici,
e tu non crederesti mai
che di notte gli alberi camminano
o diventano sogni.
Pensa che in un albero c'è un violino d'amore.
Pensa che un albero canta e ride.
Pensa che un albero sta in un crepaccio
e poi diventa vita.
Te l'ho già detto: i poeti non si redimono,
vanno lasciati volare tra gli alberi
come usignoli pronti a morire.


(Alda Merini)

Ex voto

Accade
che le affinità d'anima non giungano
ai gesti e alle parole ma rimangano
effuse come un magnetismo. É raro
ma accade.

Può darsi
che sia vera soltanto la lontananza,
vero l'oblio, vera la foglia secca
più del fresco germoglio. Tanto e altro
può darsi o dirsi.

Comprendo
la tua caparbia volontà di essere sempre assente
perché solo così si manifesta
la tua magia. Innumeri le astuzie
che intendo.

Insisto
nel ricercarti nel fuscello
e mai nell'albero spiegato, mai nel pieno, sempre
nel vuoto: in quello che anche al trapano
 resiste.

Era o non era
la volontà dei numi che presidiano
il tuo lontano focolare, strani
multiformi multanimi animali domestici;
fors'era così come mi pareva
o non era.

Ignoro
se la mia inesistenza appaga il tuo destino,
se la tua colma il mio che ne trabocca,
se l'innocenza é una colpa oppure
si coglie sulla soglia dei tuoi lari. Di me,
di te tutto conosco, tutto
ignoro.


(Eugenio Montale)

venerdì 27 gennaio 2012

Se questo è un uomo

Voi che vivete sicuri
Nelle vostre tiepide case,
Voi che trovate tornando a sera
Il cibo caldo e visi amici:

Considerate se questo è un uomo
Che lavora nel fango
Che non conosce pace
Che lotta per mezzo pane
Che muore per un sì o per un no.
Considerate se questa è una donna,
Senza capelli e senza nome
Senza più forza di ricordare
Vuoti gli occhi e freddo il grembo
Come una rana d’inverno.

Meditate che questo è stato:
Vi comando queste parole.
Scolpitele nel vostro cuore
Stando in casa andando per via,
Coricandovi alzandovi;
Ripetetele ai vostri figli.

O vi si sfaccia la casa,
La malattia vi impedisca,
I vostri nati torcano il viso da voi.


-27 gennaio;  Giorno della Memoria-
(Primo Levi)

giovedì 26 gennaio 2012

Tutto quanto potrei aver detto

In questo momento ho così tanti pensieri fondamentali,
tante cose veramente metafisiche da dire,
che mi stanco all'improvviso
e decido di non scrivere più,
di non pensare più,
e di lasciare che la febbre di dire mi dia sonno,
e io accarezzi,
come si accarezza un gatto,
tutto quanto potrei aver detto...


(Fernando Pessoa)

martedì 24 gennaio 2012

Crescere

Dopo un po', impari la sottile differenza
tra tenere una mano e incatenare un'anima,
e impari che l'amore non è appoggiarsi a qualcuno
e la compagnia non è sicurezza
e inizi ad imparare che i baci non sono contratti
e i doni non sono promesse.
E incominci ad accettare le tue sconfitte a testa alta
e con gli occhi aperti con la grazia di un adulto,
non con il dolore di un bimbo.
E impari a costruire tutte le strade oggi
perchè il terreno di domani è troppo incerto per fare piani.
Dopo un po' impari che anche il sole scotta, se ne prendi troppo.
Perciò pianti il tuo giardino e decori la tua anima,
invece di aspettare che qualcuno ti porti i fiori;
e impari che puoi davvero sopportare,
che sei davvero forte, e che vali davvero.


(Veronica A. Shoffstall)

lunedì 23 gennaio 2012

No podràn detener la primavera...

Possono tagliare tutti i fiori,
però non potranno mai fermare la primavera.

-----

Podràn cortar todas las flores,
pero no podràn detener la primavera.


(Pablo Neruda)

La Chimera

Non so se tra roccie il tuo pallido
Viso m'apparve, o sorriso
Di lontananze ignote
Fosti, la china eburnea
Fronte fulgente o giovine
Suora de la Gioconda:
O delle primavere
Spente, per i tuoi mitici pallori
O Regina O Regina adolescente:
Ma per il tuo ignoto poema
Di voluttà e di dolore
Musica fanciulla esangue,
Segnato di linea di sangue
Nel cerchio delle labbra sinuose
Regina de la melodia:
Ma per il vergine capo
Reclino, io poeta notturno
Vegliai le stelle vivide nei pelaghi del cielo,
Io per il tuo dolce mistero
Io per il tuo divenir taciturno.
Non so se la fiamma pallida
Fu dei capelli il vivente
Segno del suo pallore,
Non so se fu un dolce vapore,
Dolce sul mio dolore,
Sorriso di un volto notturno:
Guardo le bianche rocce le mute fonti dei venti
E l'immobilità dei firmamenti
E i gonfii rivi che vanno piangenti
E l'ombre del lavoro umano curve là sui poggi algenti
E ancora per teneri cieli lontane chiare ombre correnti
E ancora ti chiamo ti chiamo Chimera.



(Dino Campana)

domenica 22 gennaio 2012

Voglio il tuo sguardo nascosto

(...)
Voglio il tuo sguardo nascosto,
il tuo vero sorriso,
quel sorriso beffardo e solitario
che il tuo
impassibile specchio conosce.


(Jorge Luis Borges)

Itaca

Quando ti metterai in viaggio per Itaca
devi augurarti che la strada sia lunga
fertile in avventure e in esperienze.
I Lestrigoni o i Ciclopi
o la furia di Nettuno non temere:
non sara' questo il genere di incontri
se il pensiero resta alto e un sentimento
fermo guida il tuo spirito e il tuo corpo.
In Ciclopi o Lestrigoni no certo,
ne' nell'irato Nettuno incapperai
se non li porti dentro
se l'anima non te li mette contro.

Devi augurarti che la strada sia lunga,
che i mattini d'estate siano tanti
quando nei porti – finalmente e con che gioia -
toccherai terra tu per la prima volta:
negli empori fenici indugia e acquista
madreperle coralli ebano e ambre,
tutta merce fina, e anche profumi
penetranti d'ogni sorta, più profumi
inebrianti che puoi,
va in molte città egizie
impara una quantità di cose dai dotti.

Sempre devi avere in mente Itaca –
Raggiungerla sia il tuo pensiero costante.
Soprattutto, pero', non affrettare il viaggio;
fa che duri a lungo, per anni, e che da vecchio
metta piede sull'isola, tu, ricco
dei tesori accumulati per strada
senza aspettarti ricchezze da Itaca.
Itaca ti ha dato il bel viaggio,
senza di lei mai ti saresti messo
in viaggio: che cos'altro ti aspetti?

E se la trovi povera, non per questo Itaca ti avrà deluso.
Fatto ormai savio, con tutta la tua esperienza addosso
gia' tu avrai capito ciò che Itaca vuole significare.


(Konstantinos Kavafis; 1911)

sabato 21 gennaio 2012

Armate il vostro animo

(...)
I giovani non hanno bisogno di sermoni,
i giovani hanno bisogno di esempi di onestà, di coerenza e di altruismo.
E' con questo animo quindi, giovani che mi rivolgo a voi:
ascoltatemi vi prego:
non armate la vostra mano.
Armate il vostro animo.
Non armate la vostra mano, giovani, non ricorrete alla violenza,
perchè la violenza fa risorgere dal fondo dell'animo dell'uomo gli istinti primordiali,
fa prevalere la bestia sull'uomo
ed anche quando si usa in istato di legittima difesa
essa lascia sempre l'amaro in bocca.
No, giovani, armate invece il vostro animo di una fede vigorosa:
sceglietela voi liberamente purchè la vostra scelta,
presupponga il principio di libertà,
se non lo presuppone voi dovete respingerla,
altrimenti vi mettereste su una strada senza ritorno,
una strada al cui termine starebbe la vostra morale servitù:
sareste dei servitori in ginocchio,
mentre io vi esorto ad essere sempre degli uomini in piedi,
padroni dei vostri sentimenti e dei vostri pensieri
se non volete, che la vostra vita scorra monotona, grigia e vuota,
fate che essa sia illuminata
dalla luce di una grande e nobile idea.


(Sandro Pertini; 31 dicembre 1978)

venerdì 20 gennaio 2012

Vorrei essere guardato

Vorrei essere guardato
e non soltanto visto,
essere ascoltato
e non soltanto udito.


(Khaled Hosseini)

Amore, di sera

Peccato che non sei con me
quando guardo l’orologio e son le quattro
compilo il modulo e penso dieci minuti
e stiro le gambe come ogni sera
e muovo le spalle per rilassare la schiena
e mi stringo le mani per far parlare le dita.

Peccato che non sei con me
quando guardo l’orologio e son le cinque
e sono una macchina calcolatrice
oppure due mani saltellanti sopra i tasti
o un orecchio che ascolta il telefono latrare
o uno che fa i conti per far cantare i numeri.


Peccato che non sei con me
quando guardo l’orologio e son le sei.
Potresti avvicinarti inosservata
e dirmi “Come va?” e poi restar
segnati io con il rossetto
tu col blu della mia cartacarbone.


(Mario Benedetti)

mercoledì 18 gennaio 2012

Todos os amantes

Tutti gli amanti
si sono baciati nella mia anima.

-----

Todos os amantes
beijaram-se na minh'alma.


(Fernando Pessoa)

Gabbiani

Non so dove i gabbiani abbiano il nido,
ove trovino pace.
Io son come loro
in perpetuo volo.
La vita la sfioro
com’essi l’acqua ad acciuffare il cibo.
E come forse anch’essi amo la quiete,
la gran quiete marina,
ma il mio destino è vivere
balenando in burrasca.


(Vincenzo Cardarelli)

Scrivimi immediatamente una lettera di quattro pagine...

Non ti amo più; al contrario, ti detesto.
Sei una disgraziata, realmente perversa, realmente stupida,
una vera e propria Cenerentola.
Non mi scrivi mai, non ami tuo marito;
tu sai il piacere che le tue lettere gli procurano
eppure non riesci nemmeno a buttar giù in un attimo una mezza dozzina di righe.
Che cosa fate tutto il giorno, Signora?
Che tipo di affari così vitali vi privano del tempo
per scrivere al vostro fedele amante?
Quale pensiero può essere così invadente da mettere da parte l’amore,
l’amore tenero e costante che gli avevate promesso?
Chi può essere questo meraviglioso nuovo amante
che vi porta via ogni momento, decide della vostra giornata
e vi impedisce di dedicare la vostra attenzione a vostro marito?
Attenta Giuseppina;
una bella notte le porte saranno distrutte e là io sarò.
In verità, amor mio, sono preoccupato di non avere tue notizie,
scrivimi immediatamente una lettera di quattro pagine
con quelle deliziose parole che riempiono il mio cuore di emozione e di gioia.

Spero di tenerti tra la braccia quanto prima,
quando spargerò su di te milioni di baci,
brucianti come il sole dell’equatore.


(Napoleone Bonaparte a Giuseppina Beaharnais; primavera 1797)

martedì 17 gennaio 2012

Non conoscendo quando verrà l'alba

Non conoscendo quando verrà l'alba,
Apro ogni porta:
Piume avrà, come uccello,
O onde, come spiaggia.

-----

Not knowing when the Dawn will come,
I open every Door,
Or has it Feathers, like a Bird,
Or Billows, like a Shore.


(Emily Dickinson)

domenica 15 gennaio 2012

The most dangerous thing

La cosa più pericolosa da fare
è rimanere immobili.

-----

The most dangerous thing to do
is to stand still.


(William Burroughs)

sabato 14 gennaio 2012

Spogliatevi della vita come dei pantaloni

Spogliatevi della vita come dei pantaloni,
delle scarpe, della biancheria,
spogliatevi della carne,
scardinate le ossa.
In altre parole
togliete di mezzo il muro
che vi separa da Dio.


(Anne Sexton)

13 agosto 1916

La vita di conoscenza
è la vita che è felice
nonostante la miseria del mondo.


(Ludwig Wittgenstein; "Quaderni 1914-1916")

La mia notte - Lettera mai spedita

La mia notte…che non vorrei più…
La mia notte è come un grande cuore che pulsa.
Sono le tre e trenta del mattino.
La mia notte è senza luna.
La mia notte ha grandi occhi che guardano fissi
una luce grigia che filtra dalle finestre.
La mia notte piange e il cuscino diventa umido e freddo.
La mia notte è lunga e sembra tesa verso una fine incerta.
La mia notte mi precipita nella tua assenza.
Ti cerco, cerco il tuo corpo immenso vicino al mio,
il tuo respiro, il tuo odore.
La mia notte mi risponde: vuoto;
la mia notte mi dà freddo e solitudine.
Cerco un punto di contatto: la tua pelle. Dove sei? Dove sei?
Mi giro da tutte le parti, il cuscino umido,
la mia guancia vi si appiccica, i capelli bagnati contro le tempie.
Non è possibile che tu non sia qui.
La mie mente vaga, i miei pensieri vanno, vengono e si affollano,
il mio corpo non può comprendere.
Il mio corpo ti vorrebbe.
Il mio corpo, quest’area mutilata,
vorrebbe per un attimo dimenticarsi nel tuo calore,
il mio corpo reclama qualche ora di serenità.
La mia notte è un cuore ridotto a uno straccio.
La mia notte sa che mi piacerebbe guardarti,
seguire con le mani ogni curva del tuo corpo,
riconoscere il tuo viso e accarezzarlo.
La mia notte mi soffoca per la tua mancanza.
La mia notte palpita d’amore, quello che cerco di arginare
ma che palpita nella penombra, in ogni mia fibra.
La mia notte vorrebbe chiamarti ma non ha voce.
Eppure vorrebbe chiamarti e trovarti e stringersi a te per un attimo
e dimenticare questo tempo che massacra.
Il mio corpo non può comprendere.
Ha bisogno di te quanto me,
può darsi che in fondo, io e il mio corpo, formiamo un tutt’uno.
Il mio corpo ha bisogno di te, spesso mi hai quasi guarita.
La mia notte si scava fino a non sentire più la carne
e il sentimento diventa più forte,
più acuto, privo della sostanza materiale.
La mia notte mi brucia d’amore.
Sono le quattro e trenta del mattino.
La mia notte mi strema.
Sa bene che mi manchi
e tutta la sua oscurità non basta a nascondere quest’evidenza
che brilla come una lama nel buio,
la mia notte vorrebbe avere ali per volare fino a te,
avvolgerti nel sonno e ricondurti a me.
Nel sonno mi sentiresti vicina e senza risvegliarti le tue braccia mi stringerebbero.
La mia notte non porta consiglio.
La mia notte pensa a te, come un sogno a occhi aperti.
La mia notte si intristisce e si perde.
La mia notte accentua la mia solitudine, tutte le solitudini.
Il suo silenzio ascolta solo le mie voci interiori.
La mia notte è lunga, lunga, lunga.
La mia notte avrebbe paura che il giorno non appaia più
ma allo stesso tempo la mia notte teme la sua apparizione,
perché il giorno è un giorno artificiale in cui ogni ora vale il doppio
e senza di te non è più veramente vissuta.
La mia notte si chiede se il mio giorno somiglia alla mia notte.
Cosa che spiegherebbe la mia notte, perché temo anche il giorno.
La mia notte ha voglia di vestirmi e di spingermi fuori
per andare a cercare il mio uomo.
Ma la mia notte sa che ciò che chiamano follia,
da ogni ordine, semina-disordine, è proibito.
La mia notte si chiede cosa non sia proibito.
Non è proibito fare corpo con lei, questo, lo sa,
ma si irrita nel vedere una carne fare corpo con lei sul filo della disperazione.
Una carne non è fatta per sposare il nulla.
La mia notte ti ama fin nel suo intimo, e risuona anche del mio.
La mia notte si nutre di echi immaginari. Essa, può farlo. Io, fallisco.
La mia notte mi osserva.
Il suo sguardo è liscio e si insinua in ogni cosa.
La mia notte vorrebbe che tu fossi qui
per insinuarsi anche dentro di te con tenerezza.
La mia notte ti aspetta. Il mio corpo ti attende.
La mia notte vorrebbe che tu riposassi nell’incavo della mia spalla
e che io riposassi nell’incavo della tua.
La mia notte vorrebbe essere spettatrice del mio e del tuo godimento,
vederti e vedermi fremere di piacere.
La mia notte vorrebbe vedere i nostri sguardi
e avere i nostri sguardi pieni di desiderio.
La mia notte vorrebbe tenere fra le mani ogni spasmo.
La mia notte diventerebbe dolce.
La mia notte si lamenta in silenzio della sua solitudine al ricordo di te.
La mia notte è lunga, lunga, lunga.
Perde la testa ma non può allontanare la tua immagine da me,
non può dissipare il mio desiderio.
Sta morendo perché non sei qui e mi uccide.
La mia notte ti cerca continuamente.
Il mio corpo non riesce a concepire che qualche strada
o una qualsiasi geografia ci separi.
Il mio corpo diventa pazzo di dolore
di non poter riconoscere nel cuore della notte la tua figura o la tua ombra.
Il mio corpo vorrebbe abbracciarti nel sonno.
 Il mio corpo vorrebbe dormire in piena notte
e in quelle tenebre essere risvegliato al tuo abbraccio.
La mia notte urla e si strappa i veli,
la mia notte si scontra con il proprio silenzio,
ma il tuo corpo resta introvabile.
Mi manchi tanto, tanto.
Le tue parole.
Il tuo colore.
Fra poco si leverà il sole.


(Frida Kahlo a Diego Rivera; 12 settembre 1939 - Città del Messico)

venerdì 13 gennaio 2012

Ti ho sognata

Ti ho sognata,
mi sei apparsa sopra i rami
passando vicino alla luna
tra una nuvola e l'altra
andavi, e io ti seguivo
ti fermavi e io mi fermavo,
mi fermavo, e tu ti fermavi,
mi guardavi e io ti guardavo
ti guardavo e tu mi guardavi
poi, tutto è finito.


(Nazim Hikmet)

giovedì 12 gennaio 2012

Tutta la mia vita è una storia d'amore

Io voglio invece leggerezza,
libertà,
comprensione
- non trattenere nessuno, e che nessuno mi trattenga.
Tutta la mia vita è una storia d'amore
con la mia anima,
con la città in cui vivo,
con l'albero al bordo della strada,
con l'aria.

E sono infinitamente felice.


(Marina Cvetaeva)

martedì 10 gennaio 2012

Il Sole di Entrambi

Se saprai starmi vicino,
e potremo essere diversi,
se il sole illuminerà entrambi
senza che le nostre ombre
si sovrappongano,
se riusciremo ad essere "noi"
in mezzo al mondo
e insieme al mondo,
piangere, ridere, vivere.
Se ogni giorno sarà scoprire
quello che siamo
e non il ricordo
di come eravamo,
se sapremo darci l'un l'altro
senza sapere chi sarà il primo
e chi sarà l'ultimo
se il tuo corpo canterà con il mio
perché insieme è gioia...
Allora sarà amore
e non sarà stato vano
aspettarsi tanto.


(Pablo Neruda)

La superficialità mi inquieta...

Io, parlando in questo senso, depongo le armi

Io... Io amo la tranquillità
e non il rumore mondano.
(...)
In questo... Io sono disarmato;
io, parlando in questo senso,
depongo le armi.


(Fëdor Dostoevskij; "Il sosia")

Ho acceso un falò

Ho acceso un falò
nelle mie notti di luna
per richiamare gli ospiti
come fanno le prostitute
ai bordi di certe strade,
ma nessuno si è fermato a guardare
e il mio falò si è spento.


(Alda Merini)

lunedì 9 gennaio 2012

Non è che muoia d'amore, muoio di te

Non è che muoia d'amore, muoio di te.
Muoio di te, amore, d'amor di te,
d'urgenza mia della mia pelle di te,
della mia anima, di te e della mia bocca
e dell'insopportabile che sono senza te.

Muoio di te e di me, muoio d'ambedue,
di noialtri, di questo,
straziato, diviso,
mi muoio, ti muoio, lo moriamo.

Moriamo nella mia stanza dove sono solo,
nel mio letto dove manchi,
nella strada dove il mio braccio va vuoto,
nel cinema e nei parchi, i tram
i posti dove la mia spalla
abitua la tua testa
e la mia mano la tua
e tutto so di te come me stesso.

Moriamo nel luogo che ho prestato all'aria
perché tu stessi fuori di me,
e nel posto dove finisce l'aria
quando ti butto la mia pelle addosso
e ci conosciamo in noialtri,
separati dal mondo, felice, penetrata,
e certamente, interminabile

Moriamo, lo sappiamo, lo ignorano, ci moriamo
tra noi due, ora, separati,
l'un dall'altro, giornalmente,
cadendo in molteplici statue,
in gesti che non vediamo
nelle nostre mani che si cercano.

Moriamo, amore, muoio nel tuo ventre
che non mordo né bacio,
nei tuoi muscoli dolcissimi e vivi,
nella tua carne senza fine, muoio di maschere,
di triangoli oscuri e incessanti.

Muoio del mio corpo e del tuo corpo,
della nostra morte, amore, muoio, muoriamo.
Nel pozzo d'amore a tutte le ore,
inconsolabile, a grida ,
dentro di me, voglio dire, ti chiamo,
ti chiamano quelli che nascono, quelli che vengono
dietro, di te, quelli che arrivano a te.
Moriamo, amore, e non facciamo nulla
se non morire di più, ora dopo ora,
e scriverci, e parlarci e morire.


(Jaime Sabines)

domenica 8 gennaio 2012

Essere solo

Senza di te tornavo, come ebbro,
non più capace d’esser solo, a sera
quando le stanche nuvole dileguano
nel buio incerto.

Mille volte son stato così solo
dacché son vivo, e mille uguali sere
m’hanno oscurato agli occhi l’erba, i monti
le campagne, le nuvole.

Solo nel giorno, e poi dentro il silenzio
della fatale sera. Ed ora, ebbro,
torno senza di te, e al mio fianco
c’è solo l’ombra.

E mi sarai lontano mille volte,
e poi, per sempre. Io non so frenare
quest’angoscia che monta dentro al seno;
essere solo.


(Pier Paolo Pasolini; 1945-1946)

sabato 7 gennaio 2012

Poesia illegittima

Quella sera che ho fatto l'amore
mentale con te
non sono stata prudente
dopo un po' mi si è gonfiata la mente
sappi che due notti fa
con dolorose doglie
mi è nata una poesia illegittimamente
porterà solo il mio nome
ma ha la tua aria straniera ti somiglia
mentre non sospetti niente di niente
sappi che ti è nata una figlia.


(Vivian Lamarque)

venerdì 6 gennaio 2012

Mi piaci quando taci


Mi piaci quando taci perché sei come assente,
e mi ascolti da lungi e la mia voce non ti tocca.
Sembra che gli occhi ti sian volati via
e che un bacio ti abbia chiuso la bocca.

Poiché tutte le cose son piene della mia anima
emergi dalle cose, piene dell’anima mia.
Farfalla di sogno, rassomigli alla mia anima,
e rassomigli alla parola malinconia.

Mi piaci quando taci e sei come distante.
E stai come lamentandoti, farfalla turbante.
E mi ascolti da lungi, e la mia voce non ti raggiunge:
lascia che io taccia col tuo silenzio.

Lascia che ti parli pure col tuo silenzio
chiaro come una lampada, semplice come un anello.
Sei come la notte, silenziosa e costellata.
Il tuo silenzio è di stella, così lontano e semplice.

Mi piaci quando taci perché sei come assente.
Distante e dolorosa come se fossi morta.
Allora una parola, un sorriso bastano.
E son felice, felice che non sia così.


(Pablo Neruda)

martedì 3 gennaio 2012

29 Marzo 1935

Le campane della chiesa suonano
mentre sono seduta nel salone dell'Elizabeth Arden sulla Fifth Avenue 
con la faccia coperta da una maschera, 
e ancora una volta arrivo quasi a sperimentare la vicinanza di Dio, 
come l'altra volta, all'ospedale, 
e tutto quel che ho da dirgli è che, 
per favore, 
mi permetta di credere nella felicità.


(Anais Nin; "Fuoco")

domenica 1 gennaio 2012

L'unica gioia al mondo è cominciare

 L'unica gioia al mondo è cominciare. 
È bello vivere perché vivere è cominciare, 
sempre, 
ad ogni istante.


(Cesare Pavese; "Il mestiere di vivere")