mercoledì 19 luglio 2017

...e la bella camera è vuota

(...)
Credo, Milena,
che noi due abbiamo una particolarità in comune:
siamo tanto timidi e ansiosi,
quasi ogni lettera è diversa,
quasi ciascuna si spaventa della precedente e, più ancora, della risposta.
Lei non lo è per natura, lo si vede facilmente,
e io forse, nemmeno io lo sono per natura,
ma ciò è quasi diventato natura,
e si dilegua soltanto nella disperazione,
tutt'al più nell'ira e, da non dimenticare, nell'angoscia.

Talora ho l'impressione che abbiamo una camera con due porte,
l'una di fronte all'altra, e ognuno stringe la maniglie di una porta
e basta un batter di ciglia dell'uno perché l'altro sia già dietro la sua porta
e basta che il primo dica una sola parola
e il secondo ha già certamente chiuso la porta dietro di sé e non si fa più vedere.
Egli riaprirà, si, la porta,
perché si tratta di una camera che forse non si può lasciare.
Se non fosse esattamente come il secondo, il primo starebbe tranquillo,
preferirebbe, in apparenza, non guardare neanche verso il secondo,
metterebbe lentamente in ordine la camera,
quasi fosse una camera come qualunque altra,
ma invece fa esattamente la stessa cosa presso la sua porta,
talvolta persino tutti e due sono di là dalle porte
e la bella camera è vuota.


(Franz Kafka; "Lettere a Milena")

Nessun commento:

Posta un commento