lunedì 13 marzo 2017

Ogni giorno sento di crescere internamente...

A cosa serve mai la guerra,
perché la gente non può vivere insieme tranquilla,
perché tutto deve essere devastato?
È una domanda comprensibile,
ma finora nessuno è riuscito a trovare una risposta soddisfacente.
Perché in Inghilterra continuano a produrre aerei sempre più grandi,
bombe sempre più pesanti,
e al contempo case prefabbricate per la ricostruzione?
Perché ogni giorno si spendono milioni per la guerra
e non c'è un centesimo per l'assistenza medica, gli artisti e la povera gente?
Perché la gente deve soffrire la fame
quando in altre zone della terra c'è cibo in sovrappiù che va a male?
Oh, perché gli uomini sono così folli?
Non credo che la guerra sia causata solo dagli uomini grandi,
dai governanti e dai capitalisti.
No, il piccolo uomo la fa altrettanto volentieri,
altrimenti i popoli si sarebbero ribellati già da molto tempo!
Nell'uomo c'è proprio l'impulso di distruggere,
di uccidere, di assassinare e infierire,
e finché tutta l'umanità, senza eccezioni,
non avrà subito una grande metamorfosi,
la guerra continuerà a infuriare,
e tutto quello che è stato costruito, coltivato e cresciuto,
sarà di nuovo distrutto e disintegrato, per poi cominciare da capo!
Spesso sono stata depressa, ma non ho mai perso la speranza,
considero questa clandestinità un'esperienza pericolosa, romantica e interessante.
(...)
Sono giovane e ho ancora molte virtù nascoste,
sono giovane e forte e vivo questa grande avventura,
ci sono ancora dentro
e non devo lamentarmi tutto il giorno di non potermi divertire!
Ho avuto molto, sono di natura felice, molto allegra e forte.
Ogni giorno sento di crescere internamente
e che la liberazione si avvicina,
quanto è bella la natura, quanto è buona la gente che ho attorno,
quant'è interessante e divertente questa esperienza!
Perché, allora, dovrei perdere la speranza?


(Anne Frank; "Diario" - Mercoledì 3 maggio 1944)

Nessun commento:

Posta un commento