domenica 31 luglio 2016

Quando prendo in esame la mia vita...

Quando prendo in esame la mia vita, mi spaventa di trovarla informe.
(...)
Si direbbe che il quadro dei miei giorni, come le regioni di montagna,
si componga di materiali diversi agglomerati alla rinfusa.
Vi ravviso la mia natura, già di per se composita,
formata in parti eguali di cultura e d'istinto.
Affiorano qua e là i graniti dell'inevitabile; dappertutto, le frane del caso.
Mi studio di ripercorrere la mia esistenza per ravvisarvi un piano,
per individuare una vena di piombo o d'oro,
il fluire d'un corso d'acqua sotterraneo,
ma questo schema fittizio non è che un miraggio della memoria.
Di tanto in tanto, credo di riconoscere la fatalità in un incontro,
in un presagio, in un determinato susseguirsi di avvenimenti,
ma vi sono troppe vie che non conducono in alcun luogo,
troppe cifre che a sommarle non danno alcun totale.
In questa difformità, in questo disordine, percepisco la presenza di un individuo,
ma si direbbe che sia stata sempre la forza delle circostanze
a tracciarne il profilo; e le sue fattezze si confondono
come quelle di un'immagine che si riflette nell'acqua.
(...)
Talora la mia vita mi appare banale
al punto di non meritare non dico di scriverla,
ma neppure di ripensarvi a lungo,
e non è affatto più importante, neppure ai miei occhi,
di quella del primo che capita.
Talora mi sembra unica, e perciò appunto senza valore;
inutile, perché è impossibile adeguarla all'esperienza comune.
Nulla vale a spiegarmela:
i miei vizi, le mie virtù, sono assolutamente insufficienti;
vi riesce di più la mia gioia; ma a intervalli, senza continuità,
e soprattutto senza un serio motivo.
Ma ripugna allo spirito umano accettare la propria esistenza
dalle mani della sorte, esser null'altro che il prodotto caduco
di circostanze alle quali nessun dio presieda, soprattutto non egli stesso.
Una parte di ogni vita umana, persino di quelle che non meritano attenzione,
trascorre nella ricerca delle ragioni dell'esistenza,
dei punti di partenza, delle origini.
La mia incapacità di scoprirle mi fece inclinare a volte
verso le interpretazioni magiche, mi indusse a ricercare nei deliri dell'occulto
ciò che il senso comune non mi offriva.
Quando tutti i calcoli astrusi si dimostrano falsi,
quando persino i filosofi non hanno più nulla da dirci,
è scusabile volgersi verso il cicaleccio fortuito degli uccelli,
o verso il contrappeso remoto degli astri.


(Marguerite Yourcenar; "Memorie di Adriano")

Nessun commento:

Posta un commento