domenica 31 luglio 2016

...di quegli stati prossimi alla vertigine

(...) in certi momenti della vita,
a esempio nei periodi di digiuno rituale,
o durante le iniziazioni religiose,
ho apprezzato i vantaggi, nonché i pericoli, per lo spirito,
delle diverse forme d'astinenza, persino dell'inedia volontaria,
di quegli stati prossimi alla vertigine,
durante i quali il corpo, in parte libero dal suo peso,
entra in un mondo che non è fatto per lui,
che gli offre in anticipo un'immagine della gelida levità della morte.
In altri momenti, queste esperienze
mi hanno consentito di baloccarmi con l'idea del suicidio progressivo,
la morte per inedia, che fu quella di qualche filosofo;
una specie di orgia alla rovescia,
nella quale si perviene grado a grado all'esaurimento della sostanza vitale.
Ma aderire totalmente a un sistema non mi sarebbe piaciuto mai...


(Marguerite Yourcenar; "Memorie di Adriano")

Nessun commento:

Posta un commento