venerdì 8 luglio 2016

...lasciate che semplicemente vi accada

Perché volete voi escludere alcuna inquietudine,
alcuna sofferenza, alcuna amarezza dalla vostra vita,
poiché non sapete ancora che cosa tali stati
stiano facendo nascere in voi? 
Perché mi volete voi perseguitare con la domanda
di dove possa venire tutto questo e dove voglia finire?
Quando in verità sapete che siete in un passaggio
e nulla avete tanto desiderato quanto trasformarvi.
Se qualcosa dei vostri processi ha l’aspetto d’una malattia,
riflettete che la malattia è il mezzo
con cui l’organismo si libera dell’estraneo:
allora bisogna solo aiutarlo a essere malato,
con tutta la sua malattia che scoppia, poiché questo è il suo progresso.
(...)
In voi, caro signor Kappus, accadono ora tante cose:
dovete essere paziente come un malato e guardingo come un convalescente,
perché voi siete l’uno e l’altro.
E più ancora: voi siete anche il medico, che deve vigilare su sé stesso.
Ma in ogni malattia ci sono molti giorni in cui il medico
non può fare altro che attendere.
E questo è quello che voi, in quanto siete voi il vostro medico,
ora anzitutto dovete fare.
Non vi osservate troppo.
Non ricavate conclusioni troppo rapide da quello che vi accade:
lasciate che semplicemente vi accada.


(Rainer Maria Rilke)

Nessun commento:

Posta un commento