giovedì 31 marzo 2016

Mi sono chiesto spesso cosa fosse più facile da esplorare

(...)
Mi sono chiesto spesso cosa fosse più facile da esplorare,
se la profondità dell'oceano
o le profondità del cuore umano!
Spesso, con la mano alla fronte, in piedi sui vascelli,
mentre la luna si dondolava tra i pennoni in modo irregolare,
mi sono sorpreso a sforzarmi di risolvere questo difficile problema,
astraendo da tutto ciò che non fosse il fine che perseguivo!
Si, cosa è più profondo,
cosa è più impenetrabile tra i due:
l'oceano o il cuore umano?

-----

(...)
Souvent, je me suis demandé quelle chose était le plus facile à reconnaitre:
la profondeur de l'océan
ou la profondeur du coeur humain!
Souvent, la main portée au front, debout sur les vaisseaux,
tandis que la lune se balancait entre les mats d'une facon irrégulière,
je me suis surpris,
faisant abstraction de tout ce qui n'était pas le but que je poursuivais,
m'efforcant de résoundre ce difficile problème!
Oui, quel est le plus profond,
le plus impénétrable des deux:
l'océan ou le coeur humain?


(Conte di Lautréamont; "I canti di Maldoror")

Nessun commento:

Posta un commento