mercoledì 25 febbraio 2015

Me ne bastano poche

Bene si espresse anche quel tale, chiunque sia stato
(infatti si è incerti sul nome dell'autore), che,
essendogli stato chiesto quale scopo avesse tanta sua diligenza
in un'arte destinata a raggiungere
una strettissima cerchia di persone, dichiarò:
"Me ne bastano poche,
me ne basta una,
mi basta anche nessuno".
Quest'altra sentenza è di Epicuro
e risulta scritta in una lettera per un suo compagno di studi:
"Tali cose"
disse
"io rivolgo non a molti,
ma a te,
perché rappresentiamo l'uno per l'altro
un pubblico più che sufficiente".
Queste massime, caro Lucilio,
devi interiorizzare nel tuo spirito,
perché tu possa disprezzare quella specie di verità
che proviene dall'assenso di un gran numero di persone.
Certo, molti ti lodano,
ma quale motivo hai per essere soddisfatto di te stesso,
se sei fatto in modo che la folla è in grado di comprenderti?
I tuoi lati positivi
mirino soltanto a una approvazione interiore.
Stammi bene.


(Seneca; "Lettere a Lucilio")

Nessun commento:

Posta un commento