domenica 5 maggio 2013

Se ci fosse dato di veder più oltre

(...) nelle cose più profonde e importanti,
noi siamo indicibilmente soli.
(...) Voi avete avuto molte e grandi tristezze
che se ne sono andate.
E dite che anche quel loro andarsene
fu per voi difficile e irritante.
Ma vi prego,
riflettete se quelle grandi tristezze
non siano piuttosto passate attraverso di voi.
Se molto in voi non si sia trasformato,
se in qualche parte,
in qualche punto del vostro essere non vi siate mutato,
mentre eravate triste.
Pericolose e maligne sono quelle tristezze soltanto,
che si portano tra la gente,
per soverchiarle col rumore; come malattie,
che vengano trattate superficialmente e in maniera sconsiderata,
fanno solo un passo indietro e dopo una breve pausa
erompono tanto più paurosamente; 
 si raccolgono nell’intimo e sono vita,
sono vita non vissuta, avvilita, perduta,
di cui si può morire.
Se ci fosse dato di veder più oltre
di quel che non giunga il nostro sapere,
e un poco più in là dei bastioni del nostro presentimento,
forse allora sopporteremmo noi le nostre tristezze
con maggior fiducia che non le nostre gioie.
Perché sono esse i momenti in cui qualcosa di nuovo è entrato in noi,
qualcosa di sconosciuto.


(Rainer Maria Rilke; "Lettere a un giovane poeta")

2 commenti: