domenica 27 novembre 2011

La pazza con la violetta

Si disse: quando un giorno l'assalto della bruttezza
fosse diventato del tutto insostenibile,
si sarebbe comprata dal fioraio una violetta,
una sola violetta, quello stelo delicato col suo minuscolo fiorellino,
sarebbe uscita in strada e tenendolo davanti al viso
l'avrebbe fissato spasmodicamente, per vedere solo quello,
per vederlo come fosse l'ultima cosa che voleva conservare,
per se stessa e per i suoi occhi,
di un mondo che aveva ormai smesso di amare.
Sarebbe andata così per le strade di Parigi,
la gente presto avrebbe cominciato a conoscerla,
i bambini l'avrebbero rincorsa, derisa,
le avrebbero tirato oggetti addosso
e tutta Parigi l'avrebbe chiamata: "la pazza con la violetta"...


(Milan Kundera)

Nessun commento:

Posta un commento