sabato 14 maggio 2016

...il senso puro dell'essere attraverso le palpebre chiuse

Ma qui m'interessa quel particolare mistero del sonno,
goduto per se stesso, quel tuffo inevitabile nel quale l'uomo,
ignudo, solo, inerme, s'avventura ogni sera in un oceano,
nel quale ogni cosa muta - i colori, la densità delle cose,
persino il ritmo del respiro,
un oceano nel quale ci vengono incontro i morti.
Nel sonno, una cosa ci rassicura, ed è il fatto di uscirne,
e di uscirne immutati,
dato che una proibizione bizzarra c'impedisce di riportare con noi
il residuo esatto dei nostri sogni.
Ci rassicura altresì il fatto che il sonno ci guarisce dalla stanchezza;
ma ce ne guarisce temporaneamente,
e mediante il procedimento più radicale riuscendo a fare che non siamo più.
Qui, come in altre cose, il piacere e l'arte
consistono nell'abbandonarsi deliberatamente a quest'incoscienza felice,
nell'accettare di essere sottilmente più deboli,
più pesanti, più leggeri, più vaghi dell'esser nostro.
Tornerò in seguito sulla popolazione prodigiosa dei sogni:
preferisco parlare di certe esperienze di sonno puro, di puro risveglio,
che confinano con la morte e la risurrezione.
Cerco di riafferrare la sensazione precisa di certi sonni fulminei dell'adolescenza,
quando si piombava addormentati sui libri, ancora vestiti,
e dalla matematica o al diritto si era trasportati d'un tratto
entro un sonno duro e compatto, denso di energie potenziali,
tanto che vi si assaporava, per così dire,
il senso puro dell'essere attraverso le palpebre chiuse.
Evoco i sonni repentini sulla nuda terra, nelle foresta,
dopo estenuanti battute di caccia: mi destava l'abbaiare dei cani,
o le loro zampe ritte sul mio petto.
Era un'eclissi così totale che, ogni volta,
avrei potuto ridestarmi diverso, e mi sorprendevo - mi dolevo, a volte -
della disposizione rigorosa che mi riconduceva da così lontano
nell'angusta particella di umanità che è la mia.
In che cosa consistono le caratteristiche alle quali teniamo di più,
se contano così poco per chi dorme,
e se per un istante, prima di rientrate di malavoglia nel mio guscio di Adriano,
giungevo ad assaporare quasi coscientemente quell'uomo vuoto di sé,
quell'esistenza senza passato?
(...)
Ma ci occupiamo tanto poco di un fenomeno
che assorbe almeno un terzo dell'esistenza di ognuno di noi
perché è necessaria una certa dose di modestia per apprezzarne i doni:
Caio Caligola e Aristide il giusto si equivalgono nel sonno.
io depongo i miei vani e pomposi privilegi,
non mi distinguo più dal guardiano negro
che dorme di traverso davanti alla mia porta.
Che cos'è l'insonnia se non la maniaca ostinazione della nostra mente
a fabbricare pensieri, ragionamenti, sillogismi e definizioni tutte sue,
il suo rifiuto di abdicare di fronte alla divina incoscienza
degli occhi chiusi o alla saggia follia dei sogni?
L'uomo che non dorme - da qualche mese a questa parte
ho fin troppe occasioni di constatarlo su me stesso -
si rifiuta più o meno consapevolmente di affidarsi al flusso delle cose.
Fratello della morte... S'ingannava, Isocrate,
e la sua frase non è altro che l'iperbole d'un retore.
Comincio a conoscerla, la morte: essa cela altri segreti,
ben più estranei alla nostra attuale condizione di uomini.
E tuttavia, questi misteri di assenza, di oblio parziale
sono così intricati e profondi che avvertiamo distintamente
la sorgente chiara e quella oscura confluire chissà dove.
Non mi è mai piaciuto guardare le persone che amavo mentre dormivano:
si riposavano di me, lo so bene; mi sfuggivano, anche.
E non c'è uomo che non provi vergogna del proprio viso, guasto dal sonno.
Quante volte, levandomi alle prime ore del mattino per studiare o per leggere,
ho riordinato con le mie mani quei guanciali spiegazzati,
quelle coperte in disordine,
testimonianze quasi turpi dei nostri incontri con il nulla,
prove che ogni notte non siamo già più...


(Marguerite Yourcenar; "Memorie di Adriano")

Nessun commento:

Posta un commento