domenica 29 marzo 2015

Immaginare il nulla

Era appunto questo che m'irritava:
senza dubbio non c'era alcuna ragione perché esistesse,
questa larva strisciante.
Ma non era possibile che non esistesse.
Era impensabile:
per immaginare il nulla occorreva trovarcisi già,
in pieno mondo,
da vivo,
con gli occhi spalancati,
il nulla era solo un'idea nella mia testa,
un'idea esistente,
fluttuante in quella immensità:
quel nulla non era venuto prima dell'esistenza,
era un'esistenza come un'altra
e apparsa dopo molte altre.
Ho gridato
"che porcheria, che porcheria!"
e mi son scrollato
per sbarazzarmi di questa porcheria appiccicosa,
ma questa teneva duro,
e ce n'era tanta,
tonnellate e tonnellate d'esistenza,
indefinitamente:
soffocavo nel fondo di quest'immensa noia.


(Jean-Paul Sartre)

Nessun commento:

Posta un commento