lunedì 1 giugno 2015

E vivo della poesia come le vene vivono del sangue

(...) Perché non per astratto ragionamento,
ma per un’esperienza che brucia attraverso tutta la mia vita,
per una adesione innata, irrevocabile, del più profondo essere,
io credo, Tullio, alla poesia.
E vivo della poesia come le vene vivono del sangue.
Io so che cosa vuol dire raccogliere negli occhi tutta l’anima
e bere con quelli l’anima delle cose e le povere cose,
torturate nel loro gigantesco silenzio,
sentire mute sorelle al nostro dolore.
Perché per me Dio è e non può essere altro che un Infinito,
il quale, per essere perennemente vivo e quindi più Infinito,
si concreta incessantemente entro forme determinate
che ad ogni attimo si spezzano per l’urgere del fluire divino
e ad ogni attimo si riplasmano per esprimere e concretare quella Vita che,
inespressa, si annienterebbe.
Ora Lei vede che un Dio così
non si può né chiamare né pregare né porre lungi da noi per adorarLo;
Lo si può soltanto vivere nel profondo,
poichè è Lui l’occhio che ci fa vedere, la voce che ci fa cantare,
l’amore, ed il dolore che ci fa insonni.
E questa nostra vita irrimediabile, questo nostro cammino fatale,
in cui ad ogni istante noi realizziamo,
noi creiamo, per così dire, Dio nel nostro cuore,
altro non può essere che l’attesa del gran giorno in cui l’involucro si spezzerà
e la scintilla divina balzerà nuovamente in seno alla grande Fiamma.
Ora, di questo Dio che non si lascia staccare dalla vita,
dove possiamo avere più immediato il senso
che nei momenti in cui più la lotta si acuisce
tra lo spirito e le forme che inceppano il suo fluire?
E non è la poesia uno di questi momenti?
L’estasiata gioia del sogno
non si sconta forse nel bisogno e nella fatica
di gettare quel sogno in parole?
E un po’ dell’assolutezza divina
non riluce forse nell’atto di quella fatica?
Io credo che il nostro compito,
mentre attendiamo di tornare a Dio, sia proprio questo:
di scoprire quanto più possiamo Dio in questa vita,
di crearLo, di farLo balzare lucendo
dall’urto delle nostre anime con le cose (poesia e dolore),
dal contatto delle nostre anime fra di loro (carità e fraternità).
Per questo, Tullio,
a me è sacra la poesia;
per questo mi sono sacre le rinunce che mi hanno tolto tanta parte della giovinezza,
per questo mi sono sacre le anime ch’io sento,
di là dalla veste terrena, in comunione con la mia anima. (...)


(Antonia Pozzi; Lettera a Tullio Gadenz - Milano, 29 gennaio 1933)

Nessun commento:

Posta un commento