domenica 24 novembre 2013

È già domani

È già domani
e io cancello i giorni con una gioia maligna -
proprio come, con zelo prematuro,
butto nel secchio le bottiglie vuote di vino
e i vasetti del miele,
per essere pulita e libera
dall'ingombro di recipienti
pieni a metà.


(Sylvia Plath - Domenica notte, 2 marzo 1958)

Nessun commento:

Posta un commento