lunedì 18 giugno 2012

Combatti, combatti

(...)
Sono ricca come non lo sono mai stata;
oggi ho comprato un paio di orecchini;
e con tutto questo c'è vuoto e silenzio in qualche punto del meccanismo.
In complesso non me ne preoccupo molto;
perché ciò che voglio è sfrecciare e guizzare da una parte all'altra,
spinta da quella che chiamo realtà.
Se non avessi mai queste crisi così intense e profonde
- d'inquietudine o di quiete,
di felicità o di sconforto -
mi abbandonerei alla rassegnazione.
Invece ho qualcosa da combattere;
e quando mi sveglio presto mi dico:
combatti, combatti.
Vorrei riuscire a esprimere questa sensazione;
la sensazione del canto del mondo reale,
quando la solitudine e il silenzio ci respingono dal mondo abitato;
la sensazione che mi prende di essere imbarcata in un'avventura;
di essere stranamente libera,
ora,
con i soldi e con il resto,
di fare qualunque cosa...
E questo cavallo balzano che è la vita, è genuino.
Riesce tutto questo a dare un'idea di ciò che voglio dire?


(Virginia Woolf)

Nessun commento:

Posta un commento