mercoledì 6 giugno 2012

Al di là della notte, e oltre l'alba

(...)
E' venuto il momento di aprire il regalo.
I regali di latta e lustrini si sciupano subito, e via.
Io invece ho un regalo migliore, per te.
E' un anello da mettere al dito. E brilla di una luce tutta sua.
Nessuno può portartelo via; non può essere distrutto.
Tu sei l'unica al mondo che riesca a vedere l'anello che io ti dono,
come io ero l'unico in grado di vederlo quand'era mio.
Questo anello ti dà un nuovo potere.
Messo al dito, potrai levarti in volo con tutti gli uccelli dell'aria
- vedere attraverso i loro occhi dorati -
 - palpare il vento che sfiora le loro vellutate piume -
e potrai quindi conoscere la gioia di sollevarti lassù,
in alto,
al di sopra del mondo e di tutte le sue pene.
Potrai restarci quanto ti parrà, su nel cielo,
al di là della notte, e oltre l'alba.
E quando avrai voglia di tornar giù di nuovo,
vedrai,
tutte le tue domande avranno risposta
e tutte le tue ansie si saranno dileguate.
Al pari di ogni cosa che non può toccarsi con mano o vedersi con gli occhi,
il tuo dono si fa più potente via via che lo usi.
Dapprincipio l'impiegherai solo quando sei fuori di casa, all'aperto,
guardando l'uccello insieme al quale voli.
Ma poi, più in là, se l'adoperi ben bene,
funzionerà anche con quegli uccelli che non vedi;
finché t'accorgerai che non ti occorre né l'anello né l'uccello
per volare al di sopra delle nubi, nel sereno.
E quando arriverà per te quel giorno,
tu dovrai a tua volta donare il tuo dono a qualcuno che sai ne farà buon uso;
costui potrà apprendere, allora, che le uniche cose che contano
sono quelle fatte di verità e di gioia, e non di latta e lustrini...


(Richard Bach)

Nessun commento:

Posta un commento