mercoledì 7 dicembre 2016

In fondo, io non ho paura

- 27 febbraio 1942, venerdì mattina, le dieci.

Mi sembra presuntuoso affermare che
un uomo possa determinare il proprio destino dall'interno.
Quel che invece un uomo ha in mano
è il proprio orientamento interiore verso il destino. 
I fatti esterni non bastano per capire la vita di una persona:
bisogna conoscerne i sogni, il rapporto con la famiglia,
gli stati d'animo, le delusioni, la malattia e la morte.
(...) Mercoledì mattina presto, quando con un gruppo numeroso
ci siamo trovati in quel locale della Gestapo,
i fatti delle nostre vite erano tutti uguali:
eravamo tutti nello stesso ambiente,
gli uomini dietro la scrivania come quelli che venivano interrogati.
Ciò che qualificava la vita di ciascuno
era l'atteggiamento interiore verso quei fatti.
Si notava subito un giovane che camminava su e giù
con un'espressione palesemente scontenta, assillato e tormentato.
Cercava in continuazione pretesti per urlare a quei disgraziati ebrei:
"Mani fuori dalle tasche per favore...", ecc.
Per me era da compiangere più di coloro a cui stava urlando;
e questi, a loro volta, facevano pena nella misura in cui erano impauriti.
Quando mi sono presentata davanti alla scrivania,
mi ha urlato improvvisamente: "Che ci trova di ridicolo?".
Avrei risposto volentieri: "Niente, tranne lei",
ma per diplomazia m'è parso meglio lasciar stare.
"Lei ride tutto il tempo" continuava a urlare lui.
E io in tutta innocenza: "Non me ne accorgo proprio, è la mia faccia normale".
E lui: "Per favore non dica scemenze, vada fffuori",
con una faccia che voleva dire: tra poco mi sentirai.
Credo che questo fosse il momento psicologico
in cui avrei dovuto spaventarmi a morte,
ma quel trucco l'ho capito troppo in fretta.
In fondo, io non ho paura.
Non per una forma di temerarietà, ma perché sono cosciente
del fatto che ho sempre a che fare con degli esseri umani,
e che cercherò di capire ogni espressione,
di chiunque sia e fin dove mi sarà possibile.
E il fatto storico di quella mattina non era che un infelice ragazzo della Gestapo
si mettesse a urlare contro di me,
ma che francamente io non ne provassi sdegno
- anzi, che mi facesse pena, tanto che avrei voluto chiedergli:
hai avuto una giovinezza così triste, o sei stato tradito dalla tua ragazza?
Aveva un'aria così tormentata e assillata,
del resto anche molto sgradevole e molle.
Avrei voluto cominciare subito a curarlo,
ben sapendo che questi ragazzi sono da compiangere
fintanto che non sono in grado di fare del male,
ma che diventano pericolosissimi
se sono lasciati liberi di avventarsi sull'umanità.
È solo il sistema che usa questo tipo di persone a essere criminale.
E quando si parla di sterminare,
allora che sia il male nell'uomo, non l'uomo stesso.
Un'altra cosa ancora dopo quella mattina:
la mia consapevolezza di non essere capace di odiare gli uomini
malgrado il dolore e l'ingiustizia che ci sono al mondo,
la coscienza che tutti questi orrori non sono come un pericolo misterioso
e lontano al di fuori di noi, ma che si trovano vicinissimi e nascono dentro di noi.
E perciò sono molto più familiari e assai meno terrificanti.
Quel che fa paura è il fatto che certi sistemi
possano crescere al punto da superare gli uomini
e da tenerli stretti in una morsa diabolica, gli autori come le vittime:
così, grandi edifici e torri, costruiti dagli uomini con le loro mani,
s'innalzano sopra di noi, ci dominano,
e possono crollarci addosso e seppellirci.


(Etty Hillesum; "Diario")

Nessun commento:

Posta un commento